Zaccaria

Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (line 2394 of /homepages/23/d391833571/htdocs/hyperstoria/includes/menu.inc).

Papa

Morto nell'anno (?)
Figlio di Policronio

Papa Zaccaria fu pontefice durante gli anni turbolenti della metà del VIII secolo. Da una parte i Longobardi stavano consolidando la propria monarchia diventando una minaccia sempre più temibile e prossimi ormai a unificare l'Italia. Dall'altro l'Impero bizantino si stava definitivamente distanziando: sul piano politico considerando l'Italia una provincia periferica; su quello dottrinale con la crisi iconoclasta. Per questo un intervento militare imperiale si era fatto sempre più improbabile.
Zaccaria riuscì a giocare un ruolo politico di primo piano in Italia. Arrivò a trattare direttamente con i Re longobardi Liutprando e Rachis, sostituendosi all'Esarca bizantino di Ravenna. In questo modo il papato iniziò ad acquisire un peso politico e non solo religioso. L'episodio forse più rimarcato dalla storiografia è la Donazione di Sutri: dopo lunghe trattative il Re dei Longobardi Liutprando acconsentì a restituire alcune fortezze a nord di Roma che aveva precedentemente occupato e che garantivano la difesa della città. La restituzione non avvenne però nelle mani dell'Esarca, bensì in quelle del Papa.
ContemporaneamenteZaccaria condannò l'iconoclastia che regnava a Bisanzio, contribuendo in questo modo ad approfondire le divisioni tra Oriente e Occidente.
Diede l'avvallo e la benedizione apostolica al colpo di stato che permise a Pipino il Breve di detronizzare l'ultimo Re dei Merovingi, Chilperico III, e insediarsi come sovrano. L'episodio permise di tessere una prima alleanza tra Roma e i nuovi sovrani franchi che, nel giro di una generazione, avrebbe definitivamente cambiato il volto dell'occidente cristiano.

Questi stimava molto il suo clero e, siccome il padre e buon pastore sosteneva tutti e li aiutiva con profitto, faceva di tutto perché nessuno fosse eccessivamente oppresso. Al suo tempo il popolo di Dio visse in grande sicurezza e letizia. Questo beatissimo papa tradusse con uno studio attento dal latino al greco i quattro libri dei Diaologhi di papa Gregorio che scrisse con grande eloquio e...

Pages