Teodeberto

Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (line 2394 of /homepages/23/d391833571/htdocs/hyperstoria/includes/menu.inc).

Re dei Franchi

Morto nell'anno (?)
Sposato con Visegarda, Deoteria
Dinastia: Merovingi

Morto quindi Re Clodoveo, ricevettero il suo regno i suoi quattro figli: Teodorico, Clodomiro,...

A quel tempo Narsete affrontò anche il comandate Bucelleno. Teodeberto Re dei Franchi, dopo aver invaso l'Italia, ritornò in Gallia e...

Quindi accadde che i Danesi, con il loro Re di nome Clochilaico, si diressero verso le Gallie per mare. Scesi a terra, devastarono un villaggio del regno di Teodorico e fecero prigionieri e caricate le navi sia di...

Quindi Teodorico, non dimenticandosi la falsa promessa che gli aveva prestato Ermanafrido Re dei Turingi, chiamò suo fratello Clotario...

Teodorico fidanzò suo figlio Teodeberto con Visegarda, figlia di un Re.

Poiché i Goti, dopo la morte di Clodoveo avevano invaso quello che questi aveva conquistato, Teodorico inviò Teodeberto e...

A quel tempo c’era una donna di nome Deoteria, abile e saggia, il cui compagno si era ritirato a Beziérs. Inviò un messaggio a Re dicendo: "Nessuno ti può resistere o signore buono. Che possiamo conoscere il nostro signore: vieni e farò tutto quello che piacerà ai tuoi occhi"....

In quei giorni Teodorico uccise il suo parente Sigivaldo a colpi di spada e quindi inviò segretamente a Teodeberto lo stesso figlio di...

Childeberto si rese conto allora che non poteva vincere e gli inviò un’ambasciata per farlo venire presso di sé dicendo: "Non ho figli, per questo desidero avere te come figlio". Dopo che si recò presso di lui, gli diede tanti doni da essere ammirato da tutti. Infatti di tutte quelle cose come armi, vestiti...

Dopo essere stato confermato nel regno, attuò con grande bontà verso i nobili e i notabili. Regnava infatti con giustizia, rispettando il clero, arricchendo le chiese, alleviando le sofferenze dei poveri e assegnando molti benefici a molte persone per sua dolce e caritatevole volontà. Liberò le chiese dell’Arvernia dai tributi che dovevano al suo fisco.

Pages