Storia dei Goti, dei Vandali e degli Svevi

Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in book_next() (line 811 of /homepages/23/d391833571/htdocs/hyperstoria/modules/book/book.module).

È un breve resoconto della storia dei tre popoli germanici che invasero la penisola iberica tra la fine del IV e il V secolo: Goti, Vandali e Svevi, scritta da Isidoro, Vescovo di Siviglia, nel VII secolo. Tratta soprattutto dei primi, sotto la cui autorità si trovava appunto la città di Siviglia e rappresenta un tentativo di sintesi tra l'elemento romano e quello germanico.

Nota del traduttore
La traduzione si rifà alla versione edita da Theodore Mommsen per il Monumenta Germaniae Historica, nel 1894.

Versione originale completa online

Nota di traduzione
Per i nomi di persona e di luogo si è cercato di seguire la dizione italiana più diffusa. Nel primo caso, si sono utilizzate le versioni italiane correnti dei nomi antichi. È questo il caso di Carlo o Gregorio. Per Pipino, benché non sia una versione italiana corrente, la si è comunque mantenuta per tradizione storiografica. Per nomi che non hanno un italiano equivalente diffuso si è cercato comunque di italianizzarli. Questo perché avrebbe comportato un ulteriore lavoro di interpretazione risalire all'originale germanico, spesso nascosto sotto le diverse versioni latine.
Si è cercato di mantenere quanto più possibile gli epiteti dei personaggi, anche a discapito della fluidezza della lettura, in quanto spesso nascondono evoluzioni storiche o sociali.
Nel caso dei nomi di luoghi si è utilizzata la versione italiana qualora presente, in alternativa la versione in lingua locale.
Si sono abolite tutte le formule qui dicitur, qui vocant perché eccessivamente ridondanti.
Nel limite del possibile si è cercato di utilizzare una traduzione univoca a fronte del medesimo lemma latino. Questo salvo fastidiose ripetizioni o la necessità di esprimere un concetto più complesso con una traduzione italiana più adeguada.
Per il tempo si è mantenuta la versione latina, ad esempio quarte idi di luglio e non dodici luglio. Si è pensato che, a discapito dell'immediata comprensione per il lettore moderno, la dicitura antica sia in grado di restituire meglio il senso del tempo degli autori delle cronache. L'organizzazione del materiale del sito segue però la scansione del tempo contemporanea.