Carlomanno maggiordomo

Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (line 2394 of /homepages/23/d391833571/htdocs/hyperstoria/includes/menu.inc).

Maggiordomo dei Franchi

Morto nell'anno 755
Figlio di Carlo Martello
Dinastia: Carolingi

Figlio primogenito di Carlo Martello. Alla morte del padre ereditò la carica di Maggiordomo di palazzo per la parte orientale del Regno dei Franchi con l'Austrasia, la Turingia e l'Alemannia, mentre il fratello Pipino il Breve ricevette la parte occidentale con Neustria, Burgundia e Provenza.
Dopo aver governato congiuntamente per alcuni anni, nel 745 decise di abbandonare la carica e ritirarsi a vita religiosa. Dapprima sul monte Soratte vicino a Roma, poi a Monte Cassino.
Ritornò brevemente in Francia prima di morire, sembra nel tentativo di scongiurare l'invasione del Regno Longobardo ad opera del fratello Pipino, che aveva stretto alleanza con Papa Stefano II. Il suo intervento non ebbe comunque seguito e morì poco dopo a Vienne.

Quindi rientrati dalla campagna, nel secondo anno del loro regno, il cognato Odilone Duca di Baviera, sollevò una ribellione contro di loro. Indetta una riunione generale dell’esercito dei Franchi, si mossero verso la Baviera. Giunti al...

Nel terzo anno di regno, Carlomanno invase nuovamente la Sassonia, che si era ribellata, con un esercito. Qui catturati gli abitanti che confinavano con il suo regno, ne conquistò le terre senza combattere e molti di loro...

Quindi rientrati dalla campagna i due eccellenti fratelli, l’anno seguente, provocati dall’orgoglio dei Guasconi, adunati i loro nobili, si portarono nuovamente al fiume Loira. Vedendo ciò i Guasconi si preoccuparono, chiesero la pace e si dissero pronti a eseguire ogni ordine di...

Fatto ciò, l’anno seguente, gli Alemanni tradirono l’alleanza con Carlomanno, così che questi irruppe nel loro territorio con violenza e trucidò molti ribelli.

Fatto ciò, nel giro di un anno, Carlomanno rapito da una forte devozione, lasciato il regno nelle mani di suo fratello Pipino insieme a suo figlio...

Pages