Anno con evento

Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753

Pages

764

Quindi Re Pipino tenne un'assemblea a Worms e non fece nient'altro se non restare in Francia, studiando la situazione tra Waifer e Tassilone. E celebrò Natale e Pasqua a Quierzy.

782

Quindi il Re Carlo si mosse, attraverasò il Reno a Colonia e tenne un sinodo alle sorgenti del Lippe. Qui si recarono tutti i Sassoni, tranne il ribelle Vitichindo.

767

Re Pipino tenne in questa stessa città [Gentilly] un grande sinodo tra Romani e Greci sulla santa Trinità e sulle immagini sacre.

785

Quindi Re Carlo intraprese il viaggio dell'anno precedente fino a Rehme sul fiume Weser, dove confluisce il Waharna. Ma a causa di una inondazione ritornò a Eresburg.

787

Allora Re Carlo messosi in marcia giunse a Roma e fu accolto dal capo apostolico Adriano con grandi onori e restò con lui alcuni giorni.

790

In quest’anno non intraprese alcuna campagna ma celebrò di nuovo il natale e la pasqua nella stessa città. E così si passò all’anno seguente.

793

Durante l’autunno il Re partì da Ratisbona per nave fino al grande canale tra Altmühl e Rednitz, dove gli si presentarono i messi apostolici con grandi doni. Qui un messo raccontò che i Sassoni stavano tradendo di nuovo la sua fiducia. Quindi attraverso il Rednitz raggiunse via nave il Meno e celebrò il Natale a san Chiliano a Würzburg. E così si passò all’anno seguente

742

Quindi i Maggiordomi Carlomanno e Pipino condussero l'esercito contro Hunaldo, Duca degli Aquitani e conquistarono la fortezza di Loches e durante il tragitto divisero il regno dei Franchi tra di loro a

796

Morì Papa Adriano e Leone gli successe subito al soglio pontificio. Inviò dei legati con doni al Re: tra cui le chiavi delle porte di San Pietro e il vessillo della città di Roma.

745

Carlomanno confessa a sua fratello Pipino di voler lasciare gli obblighi terreni.

Pages