Anno con evento

Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753

Pages

742

Quindi i Maggiordomi Carlomanno e Pipino condussero l'esercito contro Hunaldo, Duca degli Aquitani e conquistarono la fortezza di Loches e durante il tragitto divisero il regno dei Franchi tra di loro a

778

Quindi Re Carlo invase la Spagna attraverso due direzioni. Una da Pamplona, attraverso la quale il grande Re raggiunse Saragozza. Qui lo raggiunse l’esercito proveniente da Burgundia, Austria, Baviera, Provenza, Settimania e Longobardia. E si congiunsero a lui in quella città entrambe le schiere.

745

Carlomanno confessa a sua fratello Pipino di voler lasciare gli obblighi terreni.

781

Durante quel viaggio celebrò la pasqua a Roma. Qui fu battezzato Pipino, figlio di Re Carlo, da papa Adriano nel sacro fonte. Inoltre i due figli di Re Carlo furono unti: Pipino Re d’Italia e Ludovico Re d’Aquitania.

748

Grifone fuggì dalla Sassona e giunse fino in Baviera, dove sottopose questo ducato al suo dominio e portò dalla sua parte Iltrude e Tassilone.

784

Quindi i Sassoni si ribellarono un'altra volta come al loro solito e a loro si associarono alcuni dei Frisoni.

753

Re Pipino marciò in Sassonia Sassonia quando il Vescovo Ildegardo venne ucciso a Iburg per mano dei Sassoni.

786

Quindi Re Carlo inviò l’esercito in Bretagna insieme al suo Siniscalco Adulfo. Qui diedero la caccia a molti Britanni insieme ai loro castelli e la forza di quei luoghi palustri oppure nelle pause.

789

Quindi partì per quella parte della Sclavonia abitata dai Wilzi, con l'aiuto di Dio. Insieme a Franchi e Sassoni raggiunse il Reno a Colonia e lo attraversò per entrare in Sassonia, portandosi fino all'Elba, dove costruì due ponti. Di questi uno aveva un castello di legno e terra a una estremità. Quindi procedendo oltre assoggetò al suo dominio gli Slavi grazie al Signore.

756

Ma come aveva previsto Re Pipino, non era vero quello che aveva promesso il Re dei Longobardi Astolfo nei riguardi dei diritti di san Pietro.

Pages