Capitolo 26

A quel tempo la città di Pavia, stretta d'assedio, resistette con coraggio per più di tre anni, mentre l'esercito dei Longobardi si assestava poco fuori della parte occidentale. Intanto Alboino, inviati dei soldati, invase tutti i territori fino alla Toscana, eccetto Roma, Ravenna e alcune fortezze che si trovavano lungo la costa. A quel punto non c'era una forza di Romani che potesse resistere, perché la pestilenza, che si era diffusa al tempo di Narsete, ne aveva uccisi molti in Liguria e nelle Venezie e dopo anni che, come abbiamo detto, furono d'abbondanza, una fame terribile devastava tutta l'Italia. Inoltre è vero che Alboino condusse con sé diversi popoli, dei quali alcuni radunati dagli altri re, altri da lui stesso. Per questo fino ad oggi chiamiamo con i loro nomi i villaggi in cui abitarono i Gepidi, i Bulgari, i Sarmati, gli Svevi, i Norici o gli altri popoli.

Personaggi storici: 
Autore: