Anno con evento

Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753
Era ispanica: 38
Ab Urbe Condita: 753

Pages

768

Re Pipino intraprese una campagna e catturò Remistagno, si spinse fino a Saintes e qui catturò la madre di Waifer, le sue sorelle e le nipoti giungendo fino alla Garonna

774

Ritornando da Roma si recò di nuovo a Pavia. Catturò la città insieme a Re Desiderio, a sua moglie e alla figlia e a tutto il tesoro che si trovava nel suo palazzo.

788

Allora Re Carlo convocò un sinodo a Ingelheim, dove venne Tassilone su ordine del Re insieme ad altri suoi vassalli.

791

Quindi si diresse in Baviera, a Ratisbona, dove si radunò il suo esercito. Dopo aver tenuto un consiglio con i Franchi, i Sassoni e i Frisoni, decise di intraprendere una campagna a causa dell'eccessiva e intollerabile cattiveria che gli Avari avevano dimostrato contro la Santa Chiesa e il popolo cristiano, giacchè non era servito a nulla inviare dei messi. Con l'aiuto di Dio invasero il territorio degli Avari.

Conosciuti anche come Annales Laurissenses maiores, raccontano l'inizio dell'epopea carolingia, da maggiordomi di palazzo a re e imperatori.
Si ipotizza che l'opera sia stata inziata nel 788, dato che fino a quella data lo stile del testo è uniforme. Successivamente viene continuata da altri autori, tra i quali si ipotizza vi sia Eginardo, il biografo di Carlo magno.
Il periodo di tempo spazia dal 741 all'829 d.C.

794

Celebrò la pasqua a Francoforte. Qui venne tenuto un grande sinodo dei vescovi di Gallia, Germania e Italia in presenza del principe e dei messi di Papa Adriano, che furono i Vescovi Teofilatto e Stefano.

743

Quindi Carlomanno e Pipino presero le armi contro il Duca dei Bavari Odilone.

797

Barcellona, città della Spagna, che già prima abbiamo descritto, ci venne ceduta dallo stesso prefetto Sadun. Infatti questi si recò a palazzo presso il Re di sua spontanea volotà consegnando la città.

746

Carlomanno si recò a Roma dove si rasò il capo e fondò sul monte Soratte un monastero in onore di san Silvestro. Qui restò per un certo tempo, per poi recarsi al monastero di San Benedetto a Cassino e dove iniziò effettivamente la sua vita monacale.

749

Il Vescovo Burcardo di Würzburg e il Cappellano Fulrado furono inviati a Papa Zaccaria per interrogarlo sui Re di Francia, se non fosse bene che avesse il potere regale chi in quel tempo non l'aveva.

Pages